[Ricette Romania]

Sarmale di foglie di cavolo cappuccio fermentato (versione romena)

Ingredienti (per circa xxx involtini)

Per gli involtini

600 g di carne mista maiale / manzo (piuttosto grassa)

Le foglie scelte di 2 cavoli cappucci fermentati

1 cipolla bianca media

1 cucchiaio di olio di semi o d'oliva

50 g di riso

Pepe nero

Timo secco

Paprika dolce

Sale

Per la pentola

Due foglie di alloro

Un paio di rametti di timo secco

Mezzo litro di passata di pomodoro

Un cucchiaino di pepe nero in grani

150 ml di brodo di carne salato il giusto

Opzionale: qualche pezzo di carne di maiale fresca o affumicata (es. pancia), o insaccato (salsicce romene)

Preparazione

Tostare il riso nell'olio con la cipolla tritata. Lasciare raffreddare.

Macinare la carne e aggiungerla agli altri ingredienti.

Formare degli involtini con le foglie di cavolo, scegliendo le più belle, farcendoli con una noce di impasto ciascuna.

Preparare il fondo di una casseruola di ghisa o di terracotta, sistemando uno strato di cavolo cappuccio tritato (o la parte dura delle foglie), il rametto di timo essiccato, una foglia d'alloro e dei grani di pepe.

Disporre gli involtini a strati e intervallati eventualmente da carne e/o insaccati, ordinati concentricamente o in file diritte, ma senza premerli troppo (il riso al loro interno aumenterà di volume una volta cotto). Inserire un'altra foglia d'alloro e il pepe.

Aggiungere la salsa di pomodoro diluita con il brodo.

Coprire con il coperchio e mettere in forno a 170 gradi per 3-4 ore, controllando ogni tanto che ci sia liquido a sufficienza. Aggiungere eventualmente dell'acqua o altro brodo.

Al termine della cottura gli involtini dovranno essere asciutti ma non secchi.

Lasciare riposare nel forno spento per un'ora.

Servire in un piatto con polenta, panna acida e volendo dei peperoncini rossi freschi.

Note

Piatto comune, con alcune variazioni a molti paesi balcanici.

Questi sarmal tradizionali non mancano nelle tavole delle feste dei rumeni. I Sarmals sono fatti per Natale, Capodanno, la celebrazione di diversi santi e persino la Pasqua (in alcune zone).

Si consumano generalmente con polenta di mais, tranne in Transilvania e nel Banato dove si accompagnano con il pane.

La carne da inserire nella pentola insieme agli involtini si può eventualmente rosolare in padella prima di essere utilizzata.

Fonti

Savori urbane - link

Retete de Colectie - link

Retetele Mihaelei - video

Questo sito non utilizza cookie.
Limita il consumo di prodotti animali, non stagionali e importati.
I contenuti presenti su questo sito sono riutilizzabili inserendo un riferimento e il link alla pagina relativa.
Per correzioni alle ricette, commenti, contatti:

M&P 2021-2022